Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.

Carrello

Il carrello è vuoto

Totale

€ 0,00
Vai allo Shop Online

Zucca

Nome botanico: Cucurbita maxima duchesne e Cucurbita moscata

Sono presenti 10 prodotti relativi alla voce Zucca.

La zucca è una pianta appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee: una rampicante e una pianta monoica con grandi foglie e piccioli ricoperti da una leggera peluria e bei fiori grandi e gialli.

Origini e storia

L'origine è ambigua. Sicuramente antichi popoli come gli egiziani e gli indiani d'America la coltivavano, ed è certo che i Romani la conoscevano e ne disquisivano: Dioscoride e Plinio la definivano "refrigerio della vita dell'uomo, il balsamo dei guai"; Marziale parla dell'onnipresenza di questo ortaggio sulle tavole romane, come cibo e come contenitori impermeabili.

Si ritiene generalmente, in base ai ritrovamenti in Messico di semi di questo curioso ortaggio risalenti al 7000 a.C., che sia originaria del Centro America. In Europa arrivò dopo la scoperta dell'America.

Il più diffuso genere "cucurbita" si divide in:
    "pepo": le zucchine verdi che si consumano acerbe;
    "maxima": le classiche arancioni, dolci e polpose, che si consumano mature;
    "moschata": di forma a pera, verdi alla base e giallognole in punta, con polpa leggermente più fibrosa;
    "melanosperma": la cui polpa cotta e grattata via dalla buccia ha le sembianze degli spaghetti;
    la "lagenaria" è, invece, quella allungata e ornamentale, con buccia estremamente dura e quasi senza frutto.

Proprietà nutritive e benefici della zucca

La zucca è un elisir per il nostro organismo, ricca di proprietà terapeutiche e nutritive. È ricca di beta-carotene che contrasta l'invecchiamento cellulare e i radicali liberi. Contiene "grassi buoni" come l'Omega 3 che, riducendo il colesterolo, abbassa la pressione sanguigna e riduce il rischio di ictus e di infarto.

La ricchezza di acqua e di fibre giova all'intestino, riequilibrando la flora batterica. Le fibre saziano e abbassano l'assorbimento degli zuccheri, rendendola ideale per i diabetici o per chi si trova in regime di dieta ipocalorica. L'acqua combatte la ritenzione idrica e aiuta a sgonfiarsi.

Tra i sali minerali, il magnesio che è un naturale miorilassante aiuta ad alleviare lo stress psichico e fisico. Contiene aminoacidi, tra cui il "triptofano" che, producendo la serotonina, aiuta quindi a combattere l'insonnia, stati ansiosi e depressivi. La "cucurbitina" è un aminoacido presente sopratutto nei semi: li rende antiparassitari e vermifughi e aiutano a combattere disturbi intestinali, delle vie urinarie e le infiammazioni della pelle.

Le vitamine T e K stimolano rispettivamente il metabolismo e la coagulazione del sangue.

Utilizzo della zucca in cucina

È un alimento ideale per i diabetici, in quanto studi al riguardo hanno evidenziato una azione "ipoglicemizzante", stimolando una maggiore produzione di insulina da parte del pancreas. Ha poche calorie, è ricca di carboidrati ed è genuina perché inattaccabile dai parassiti, per via della protezione della spessa buccia.

Di questo succoso ortaggio si mangia praticamente tutto: la polpa, le foglie e i semi. Con le foglie si possono fare fresche insalate o possono essere fritte; i semi lavati ed essiccati in forno, leggermente salati, costituiscono una merenda sfiziosa.

Moltissime sono le fantasiose ricette che la riguardano, senza appesantirla con grassi aggiunti. Perfetto cucinarla al forno: con un filo di olio e sale, oppure gratinata. In quest'ultimo caso si prepara un "gratin" con pangrattato, sale, pepe, parmigiano e capperi, per dare una contrastante nota salata.

È un tipo di ortaggio alleato di bellezza. Mescolando la purea con il latte di cocco ( e lasciata in infusione per 24 ore), si può applicare sulla pelle per un quarto d'ora e poi risciacquare: la forza antiossidante del beta-carotene, assieme alle vitamine, rende la pelle più soda e giovane. Un'ottima maschera per capelli secchi (da tenere per mezzora su capelli asciutti) si ottiene mescolando la polpa con due cucchiai di miele e quattro di yogurt.

Curiosità

La cucurbita è un alimento talmente apprezzato da essere stato il soggetto del famosissimo quadro "Vertumno" di Giuseppe Arcimboldi, che ritraeva Rodolfo II ricoperto di ogni varietà di questo ortaggio.

Nel mondo celtico la festa di "Samhain", tra il 31 ottobre e il 1 novembre, era una festa propiziatoria dove tutte le luci si spegnevano tranne i fuochi dei druidi. Da qui si pensa derivi la festa di "Halloween", quando si intaglia una zucca con sembianze spettrali e illuminata, la "jack o'lantern", per tenere lontani il giorno di Ognissanti le anime dei morti vaganti.

Nell'antichità ovunque i semi erano simbolo di resurrezione dei morti: in Germania ad esempio, in alcune tombe sono state ritrovati, assieme a noci e nocciole, questi grandi ortaggi considerate mezzo per l'ascesa al cielo.